RISORSE GRATUITE

La Crioterapia è stata riconosciuta,dalla comunità medico/scientifica , tra i nuovi metodi di cura rivoluzionari per il trattamento di molteplici patologie mediche. E’ una terapia curativa molto ben tollerata dall’organismo: infatti il la bassa temperatura è tranquillamente sopportabile grazie all’assenza di umidità. Il termine Crioterapia deriva dal greco ed è composto dalle parole κ ρ ύ ο ς (cryo) cioè “freddo, gelo” e da ϑ ε ρ α π ε ί α (therapeía) cioè cura, guarigione.
È un processo che induce uno shock termico dell’organismo il quale, esposto a bassissime temperature (-160°C) per 2/3 minuti, direziona il flusso sanguigno verso gli organi vitali interni stimolando il sistema immunitario, la produzione di ossigeno ed altre sostanze nutritive, detossinando il corpo e incrementando il consumo metabolico.
Le proprietà terapeutiche del freddo sono note e praticate sin dai tempi più remoti ma si sono dovuti attendere molte decine di anni per stabilire e dimostrare che la terapia del freddo, se usata correttamente, risolve moltissime patologie di salute e aiuta a rallentare l’invecchiamento cellulare.
La Crioterapia fu ideata nel 1980 da Toshima Yaumauchi , medico termale giapponese, che la impiegò per trattare i pazienti affetti da artrite reumatoide per poi estenderla a tutte le malattie autoimmuni. L’impiego è diffuso in molti campi dalla medicina sportiva, al trattamento di malattie autoimmuni e malattie dell’apparato locomotore , al trattamento di pazienti afflitti da depressione, all’applicazione in campo estetico.